Ri-acquisizione del bene pubblico

Ri-acquisizione del bene pubblico

Ri-acquisizione del bene pubblico

Ribadiamo pubblicamente come Europa Verde la nostra adesione convinta senza dubbi di ambiguità al presidio annunciato di venerdì 18 giugno davanti alla Prefettura di Genova per respingere e sollecitare una inversione radicale di rotta sulle modalità di ri-acquisizione del bene pubblico Autostrade così come annunciato dal Governo Draghi.

La gestione di Aspi

Chi l´avrebbe mai detto che lo Stato italiano, per togliersi la macchia di aver privatizzato la concessione più importante del paese (quasi 3 mila km di rete su 6 mila km complessivi), dovesse sborsare 9,1 miliardi di euro ai responsabili della tragedia del ponte Morandi per subentrare nella gestione di Aspi?

Dunque dichiariamo la nostra assoluta opposizione a questa perversa manovra con la seguente motivazione di fondo di profilo politico e giuridico-costituzionale, per cui denunciamo la perversa ri-acquisizione di un bene pubblico pagando in soldoni chi ha fatto finora bieco business che continuerà lasciando la nuova proprietà – SpA – che permane di diritto privato  con compagni di viaggio di Cdp che sono fondi stranieri Blakstone (24,5%) e Macquaire (24,5%):

non proprio dei benefattori, ma fondi che puntano ad alti rendimenti e che hanno tutto l´interesse a far sì che la convenzione e il sistema tariffario restino così come sono con le mani libere nella gestione privata del bene pubblico Infatti la parte finanziaria dello Stato, attraverso Cassa depositi e prestiti (Cdp), che deterrà il 51% di Aspi, prevarrà certamente su un ministero della Mobilità sostenibile spogliato di ogni competenza, privo di una dirigenza competente (come dimostra il pasticcio della gara per il rinnovo della concessione a Gavio) e subalterno a quello dell´Economia.

Noi proponiamo un significativo cambio di prospettiva da vestione privata a gestione pubblica e dunque con statuto giuridico della proprietà gestito da Enti pubblici e mediante cogestione di lavoratori e utenti di cui a Costituzione art. 41-42-43-46. Per questo annunciamo che saremo promotori, con quanti disponibili, a conseguente azione giudiziaria.

Europa Verde Liguria

Gaia Amantini

Studentessa al terzo anno di Grafica e Comunicazione presso l’Istituto Caboto di Chiavari – GE si occupa della Grafica on site e di quella off site del sito internet di EuropaVerdeLiguria.itBioTigullio5Terre.it, di TigullioTrekking.it. Ama gli animali, la natura, lo sport e soprattutto i Motley Crue.