Il Garante del Verde

Il Garante del Verde

Il Garante del Verde

Se riteniamo che sia importante creare nuove piantumazioni di alberi per dare un contributo alla lotta al cambiamento climatico, favorire la creazione di luoghi di incontro e soprattutto migliorare la condizione di vita collettiva per anziani e famiglie in primo luogo, noi di Europa verde Liguria proponiamo pure l’istituzione di una figura nuova, che possa essere utile anche per stimolare la partecipazione attiva della popolazione alla gestione del verde cittadino e in prospettiva in grado di dare linee per il governo del bosco circostante la città, che può divenire una importante risorsa economica e sociale per la collettività: il Garante del Verde.

Chi è Il Garante del Verde?

Si tratta di una figura, che non costa nulla alle finanze comunali, trattandosi di persone, che operano probono nell’interesse collettivo ma a cui la cittadinanza si possa rivolgere per far giungere al Comune idee, proposte e progetti oltre a segnalazioni di situazioni non adeguate nelle aree verdi cittadine.

Piantumazioni e Progetti

Sarebbe poi interessante avviare, proprio tramite questa figura, la piantumazione degli alberi per ogni nuovo nato e progetti educativi con le scuole, che vadano dalla cura allo studio del ciclo di vita degli alberi.

Credo che alcuni precisi stimoli possano venire dal Garante del verde di Milano, appena istituito, che dovrebbe: “Vigilare sul consumo del suolo, sulla tutela di alberi e piante, ampliare i parchi urbani e sensibilizzare la cittadinanza sui temi relativi al verde cittadino: sono questi i compiti del Garante del Verde.

Il nuovo ruolo sarà affidato a un team di esperti (competenti in materia di scienze ambientali e urbanistiche) in grado di rappresentare la voce del verde nei tavoli istituzionali.

I tre membri, nominati dal sindaco, restano in carica per 5 anni e oltre ai compiti già citati dovranno impegnarsi a contribuire a garantire la salvaguardia del consumo di suolo e l’incremento del verde e degli alberi esistenti, promuovere azioni di ascolto e informazione nei confronti della cittadinanza, dialogare con gli uffici comunali sulle iniziative di compensazione legate al consumo di suolo, verificare il monitoraggio ( in collaborazione con gli uffici comunali (ndr) degli interventi da realizzare su suolo privato che comportano modifica dell’uso del suolo e della dotazione arborea.” (da Garden TV)

Si tratta di una proposta che vogliamo fare alle forze politiche del centrosinistra e non solo per una città diversa e più vivibile, tenendo presente che una simile proposta è stata promossa in altre parti d’Italia come a Cremona, Napoli e dal PD di Verona con una apposita mozione in consiglio comunale.

Europa Verde Liguria

Gaia Amantini

Studentessa al terzo anno di Grafica e Comunicazione presso l’Istituto Caboto di Chiavari – GE si occupa della Grafica on site e di quella off site del sito internet di EuropaVerdeLiguria.itBioTigullio5Terre.it, di TigullioTrekking.it. Ama gli animali, la natura, lo sport e soprattutto i Motley Crue.