Città a misura di animali

città a misura di animali aperitivo animalista savona
Il giorno 16 settembre alle ore 17.30 vi aspettiamo tutti per l’ Aperitivo Animalista presso il capolinea 2.0 di via Brignoni a Savona. Si parlerà di una città a misura di animali umani e non. L’ incontro vedrà presenti i candidati “verdi” e del partito animalista in Sinistra Per Savona, a sostegno di Marco Russo candidato sindaco.
Verranno affrontati temi quali i diritti degli animali, aree canine e loro pulizia, sterilizzazione delle colonie libere feline, spiagge per animali e tanto altro, assieme al progetto di un Garante dei diritti animali come già accade in altre città italiane.
Per info 329 223 9928 – Costo Aperitivo Euso 15.00

Campo Nomadi Fontanassa

Una soluzione per il campo nomadi

Campo Nomadi Fontanassa

Torna a tuonare la Sindaca “dismessa” a Savona per spiegare quanto ha fatto in merito al campo nomadi. Mettendo il solito disco, per accusare le Giunte di sinistra di non aver risolto il problema del campo nomadi da Lei e dalla sua Giunta sistemato a colpi di forze dell’ordine e di mezzi meccanici. Ora sarebbe fin troppo facile rammentare che il campo nomadi alla Fontanassa è arrivato per decisione di un’altra amministrazione di destra, guidata dal sindaco Gervasio. L’ultima Giunta Berruti aveva trovato un’ipotesi di soluzione, che aveva visto una forte opposizione in città da parte della destra locale, tanto che fu abbandonata, ormai in fine legislatura.

Una catena di idee

Nel 2016 arriva la Giunta Caprioglio e qui troviamo “perle a non finire”. Prima l’idea di spostarlo nei pressi del cimitero di Zinola in terreni non attrezzati. A stare a notizie di stampa neppure disponibili. Poi si elabora, dopo cinque anni, una proposta simile a quella dell’ultima giunta di centrosinistra, che viene clamorosamente bocciata dalla maggioranza della Sindaca.
A questo punto segue un periodo di relativo dialogo per poi sprofondare tutto nell’azione di forza avvenuta recentemente. Read more

Giornata Internazionale Contro la Guerra

giornata contro la guerra genova

Giornata Internazionale Contro la Guerra

Fermiamo la guerra nello Yemen. Europa Verde Liguria ha aderito all’appello internazionale per la giornata contro la guerra, affinché si fermi il massacro della popolazione dello Yemen.

Il 25 gennaio 2021 alle ore 16.30 nel rispetto delle norme contro il Covid-19 presso Ponte Etiopia a Genova ci si ritroverà con il CULP (collettivo unitario Lavoratori Portuali) per raccogliere l’appello del Centro Sereno Regis di Torino, affinché termini la guerra in Yemen e soprattutto venga attivato l’embargo militare verso l’Arabia Saudita e gli altri paesi coinvolti. In particolare si chiede la fine delle operazioni militari e l’avvio immediato di operazioni di soccorso umanitario per una popolazione stremata e alla fame.

Europa Verde Liguria

Aderire all’Anagrafe Nazionale Antifascista

aderire all'anagrafe nazionale antifascista

Aderire all’Anagrafe Nazionale Antifascista 

Europa Verde Liguria invita tutte le persone, associazioni e forze sociali ad aderire senza indugio all’Anagrafe Nazionale Antifascista promossa dal Comune di Stazzema, luogo della terribile strage nazifascista. 

L’adesione implica pure partecipare alla raccolta delle firme per una legge contro la propaganda nazifascista, anche se oggi vi sono i limiti posti dalla lotta al Covid-19.

È possibile aderire tramite il sito www.anagrafeantifascista.it o alla mail info@anagrafeantifascista.it.

È un obbligo civile e morale, per tutte e tutti, a sostegno della nostra Costituzione. 

– Europa Verde Liguria

Scendiamo in Piazza #DALLAPARTEDEIDIRITTI

stop alla omolesbobitransfobia e alla misoginia

Scendiamo in Piazza #DALLAPARTEDEIDIRITTI

Per una legge contro l’omolesbobitransfobia e la misoginia
a Genova saremo presenti il 17 ottobre alle ore 16 in piazza De Ferrari

In questi giorni il Parlamento è impegnato nella discussione della proposta di legge contro l’omolesbobitransfobia e la misoginia, conosciuta col nome di ddl Zan. È arrivato il momento che l’Italia segua l’esempio degli altri Paesi europei. Da troppi anni attendiamo una legge per contrastare la violenza e le discriminazioni verso le persone LGBTI+ e le donne, tutelando le vittime con risorse adeguate e politiche concrete.

Read more