L’Assessore Giampedrone ed il Piano Rifiuti

L’Assessore Giampedrone ed il Piano Rifiuti

L’Assessore Giampedrone ed il Piano Rifiuti

E ora di nuovo rumenta l’assessore Giampedrone, felice, a stare a notizie di stampa, del ben misero 50% di rifiuti regionali destinati al riciclo a fronte del 65% di legge, ora annuncia un nuovo piano dei rifiuti in cui in pochi mesi vorrebbe farci dimenticare i cinque anni di latitanza della destra, che governa con scarsi risultati pure le maggiori città della Liguria, a cominciare da Genova.

La Gestione dei Rifiuti

L’assessore in preda a poteri di onnipotenza, ha proposto di cambiare tutta la struttura di gestione dei rifiuti, giungendo di nuovo a parlare, secondo notizie di stampa, di “valorizzazione e recupero energetico”.

Noi di Europa Verde Liguria crediamo che il programma dell’assessore regionale debba essere contrastato poiché in primo luogo deve essere ribadito il principio generale di rifiuti zero a cui deve seguire il concetto del rifiuto come risorsa, che possa dare origine a iniziative imprenditoriali di riduzione (in particolare degli imballaggi), di recupero e di riuso. A ciò si deve associare l’idea di ambiti allo stato attuale provinciali autosufficienti poiché i rifiuti non devono andare in giro per la Liguria.

A ciò si pone quindi tranquillamente la nostra netta opposizione a impianti come quello di Saliceti (SP) estremamente e inutilmente sovradimensionato rispetto alle esigenze territoriali, così come, alla possibilità non accennata, ma neppure negata di bruciare rifiuti o combustibile secondario da essi derivato nelle centrali liguri a oggi in dismissione.

Europa Verde Liguria

Gaia Amantini

Studentessa al terzo anno di Grafica e Comunicazione presso l’Istituto Caboto di Chiavari – GE si occupa della Grafica on site e di quella off site del sito internet di EuropaVerdeLiguria.itBioTigullio5Terre.it, di TigullioTrekking.it. Ama gli animali, la natura, lo sport e soprattutto i Motley Crue.